European Films

CataniaCinemaEuropeo (1)

La Loi de la Jungle di Antonin Peretjatko

titolo internazionale: Struggle for Life
titolo originale: La Loi de la jungle
paese: Francia
rivenditore estero: Be for Films
anno: 2016
genere: fiction
regia: Antonin Peretjatko
durata: 99′
data di uscita: FR 15/06/2016
sceneggiatura: Antonin Peretjatko
cast: Vincent Macaigne, Vimala Pons, Pascal Légitimus, Mathieu Amalric, Jean-Luc Bideau
fotografia: Simon Roca
montaggio: Antonin Peretjatko, Xavier Sirven
scenografia: Yann Mégard
costumi: Sidonie Pontanier
produttore: Alice Girard
produzione: Rectangle Productions
distributori: Haut et Court 

sinossi

Come se il cinema di Yves Roberts e Pierre Richard andasse a braccetto con quello di Claude Zidi, in un vortice travolgente di comicità screwball in cui trovano posto la demenzialità dei fratelli Zucker e di Jim Abrahams, Jean Michel Jarre, il cannibalismo e la Guyana. E infine l’amore.

La loi de la Jungle - locandina

photo2_big (1)

photo3_big (1)

la-loi-de-la-jungle-2016-Antonin-Peretjatko-001

*****************************************************

IL PIÙ GRANDE SOGNO di Michele Vannucci

titolo internazionale: I Was a Dreamer
titolo originale: Il più grande sogno
paese: Italia
rivenditore estero: True Colours
anno: 2016
genere: fiction
regia: Michele Vannucci
durata: 97′
data di uscita: IT 24/11/2016
sceneggiatura: Michele Vannucci, Anita Otto
cast: Alessandro Borghi, Vittorio Viviani, Milena Mancini, Ginevra De Carolis, Mirko Frezza, Ivana Lotito
fotografia: Matteo Vieille
montaggio: Sara Zavarise
scenografia: Lupo Marziale
costumi: Sabrina Beretta
produttore: Giovanni Pompili
produzione: Kino Produzioni, Laser Film, Upupa
supporto: MiBACT, Roma Lazio Film Commission

sinossi

Questa storia racconta di Mirko, un criminale romano che all’età di 39 anni si rende conto di avere davanti a sé un “futuro da riempire”, per sé e per la sua famiglia, possibilmente in modo onesto, e che improvvisamente viene eletto a sua insaputa Presidente del comitato di quartiere col 77% dei voti. La vita per Mirko cambia, radicalmente. In modo irrazionale insegue il sogno di un’altra esistenza per sé e per la sua borgata: basta spaccio, basta violenza, basta indifferenza, ora c’è bisogno di creare una comunità unita sul principio dell’aiuto reciproco. Bisogna far funzionare la mensa per i poveri e costruire un orto dove far lavorare ex-detenuti come lui. Questo è il suo sogno. Un sogno però difficile da gestire. Soprattutto se tuo padre è un criminale dai sogni megalomani e se in famiglia cerchi d’importi come padre delle tue due figlie da sempre ignorate. E il tuo passato rimane sempre lì. Una porta facile, facilissima da riaprire. Questo film racconta di un bandito che si convince d’essere padre spirituale della propria borgata, custode di una felicità che neanche lui sa bene come raggiungere. È la storia di un sogno, a tratti irrazionale, fragile come un bicchiere di cristallo ma capace di regalare il futuro a chi non credeva di meritarsi neanche un presente.

locandina

photo1_big

photo2_big

photo3_big

*************************************************************************************************************

Walls – Il mondo diviso di Pablo Iraburu, Migueltxo Molina

titolo internazionale: Walls
titolo originale: Muros
paese: Spagna
rivenditore estero:
anno: 2015
genere: documentary
regia: Pablo Iraburu, Migueltxo Molina
durata: 80′
data di uscita: IT 
sceneggiatura: Pablo Iraburu
cast: Jaime Mimún, Ghariba El Bokhari, Bockar Bricio, Karen Hernànez, Álvaro Enciso, Meza Weza, Izak Nel
fotografia: Pablo Iraburu
montaggio: Pablo Iraburu, Migueltxo Molina
produttore: Arena Comunicación Audiovisual
produttore esecutivo: Pablo Iraburu, Igor Otxoa, Harkaitz Martínez de San Vincente
produttore esecutivo: Pablo Iraburu, Igor Otxoa, Harkaitz Martínez de San Vincente

sinossi

Il 9 novembre 1989, quando il muro di Berlino fu abbattuto, molti sognarono un mondo senza più divisioni. Ventisette anni dopo, come racconta il documentario di Pablo Iraburu e Migueltxo Molina, i muri vivono e crescono ancora intorno a noi. In tutto, più di ottomila chilometri di cemento armato, reti, filo spinato, sensori elettronici installati ai quattro angoli del globo e utilizzati per tener lontani “nemici”, “terroristi”, “clandestini” e “contrabbandieri”. Una coppia di giovani messicani cerca il modo di superare il confine con gli Stati Uniti. Un gruppo di uomini aspetta il momento giusto per oltrepassare la barriera che divide il Marocco da Melilla, enclave spagnola in Africa. Alcuni migranti tentano di superare il Limpopo, il fiume che separa lo Zimbabwe dal Sudafrica. Davanti agli occhi dello spettatore scorrono le immagini di queste zone di frontiera, scene che si fondono e si sovrappongono in modo armonico tra loro, stimolando le persone ad analizzare la questione in un’ottica universale.

il mondo diviso TUCKER150 wall

WALLS_01-660x348

*************************************************************************************************************

PROGRAMMA DEL CATANIA FILM FEST – GOLD ELELEPHANT WORLD 2017

Programma sesta edizione  (scarica)

*************************************************************************************************************

European Films

La sesta edizione del Festival di Catania prevede la Selezione Ufficiale dei film “in Concorso”, che comprende una competizione di 3 film europei indipendenti, mai distribuiti in Sicilia.

Tutte le opere candidate al Festival sono state visionate dal Direttore Artistico del Festival, che si è avvalso della preziosa collaborazione del critico cinematografico Emanuele Rauco.  Successivamente, la direzione artistica del Festival ha individuato le opere “in concorso” ed assegnerà dei premi Speciali, a insindacabile giudizio. Le opere “in concorso” invece, verranno sottoposte alla valutazione di una Giuria Giovani, rappresentata da trenta giovani studenti universitari  e delle scuole superiori di ogni parte d’Italia, inclusi gli istituti di Alta Formazione Artistica e Musicale e le Scuole di Cinema. I giudizi emersi dalle votazioni della Giuria sono insindacabili. La Giuria assegnerà al regista il premio Miglior Film Europeo Indipendente.

logo lowCompetition